Come sarà la TV tra tre anni? Gli addetti ai lavori condividono le loro previsioni

17 Aprile 2023 WEIJI

Tuttavia, i dettagli di ciò che sta per accadere a un settore in fase di transizione non sono chiari. La CNBC ha intervistato più di una dozzina di leader che sono stati tra i più influenti decisori e pensatori del settore televisivo negli ultimi vent’anni per farsi un’idea di ciò che pensano accadrà nei prossimi tre anni.

La CNBC ha posto la stessa serie di domande a ciascun intervistato. Di seguito è riportato un campione delle loro risposte.

In tre anni, la TV tradizionale morirà effettivamente?

Peter Chernin, CEO di The North Road Company: La TV tradizionale continuerà il suo lento declino. Sarà sempre più scadente. I budget verranno tagliati. Un numero sempre maggiore di sceneggiature migrerà verso lo streaming. Ci saranno più repliche. Ma continuerà a esistere. Una delle questioni davvero interessanti è che il nucleo della TV lineare è costituito dai diritti sportivi. L’accordo con la NFL inizia la prossima stagione ed è il doppio del prezzo di quello precedente. Questo risucchierà ancora più denaro dai budget di programmazione. Poi c’è l’accordo con l’NBA, il cui rinnovo avverrà quest’anno. Probabilmente il prezzo raddoppierà. Quindi i prezzi degli sport più importanti aumentano e il numero di spettatori diminuisce. Questo avrà forti ripercussioni su tutto il resto.

Kevin Mayer, co-CEO di Candle Media: La TV tradizionale ha ancora pochi anni di vita. Si sta avvicinando alla fine. Per quanto riguarda l’intrattenimento che non ha bisogno di essere visto in un momento specifico di fatto è già accaduto, infatti è già passato in gran parte allo streaming. Il prossimo passo sarà la fine della programmazione di script sulle reti televisive. Non ce n’è più bisogno. Si concluderà nei prossimi due o tre anni. Quando ESPN staccherà finalmente la spina, il pacchetto sarà effettivamente finito. E questo accadrà relativamente presto. La TV lineare è in fin di vita.

Barry Diller, presidente di IAC: La TV tradizionale sta morendo, ma finché ci sarà la cosiddetta syndication, anche se in netta diminuzione, resisterà. Lo strascico di certi fenomeni dura molto più a lungo di quanto si possa prevedere.

Ann Sarnoff, ex presidente e amministratore delegato di Warner Bros: Il pacchetto lineare sarà sicuramente presente tra tre anni, ma il numero di abbonati continuerà a diminuire e l’età media degli spettatori continuerà ad aumentare costantemente. Un grande fattore X per quanto riguarda l’evoluzione dell’universo dei canali via cavo sarà lo sport e il ruolo che i servizi di streaming giocheranno nello sport. La frammentazione dei diritti sportivi è positiva per le leghe, ma confonde i consumatori. I tifosi più appassionati si abboneranno a tutto e troveranno il loro sport ovunque, ma la frammentazione rende più difficile per i campionati mantenere l’appeal di massa e il coinvolgimento, elementi che hanno dato vita a un business pubblicitario sportivo stellare.

Bill Simmons, fondatore di The Ringer: Tre anni mi sembrano troppo pochi. Credo che la situazione si evolverà come nel caso della radio terrestre e dell’audio digitale. Cinque anni fa avresti potuto dire che la radio sarebbe morta presto e nessuno ti avrebbe contestato. Tuttavia, essa resiste, seppur zoppicando, anche se la concorrenza dei podcast, dello streaming, di TikTok e di tutti gli altri è molto più forte. Anche con i mercati pubblicitari in calo e un tipo di pubblicità molto più localizzata, la radio non è ancora morta. È come quando Michael Corleone dice che Hyman Roth è morto dello stesso attacco di cuore negli ultimi 20 anni. Questa è la radio. E la TV lineare farà la stessa fine. Ci sarà una morte di Hyman Roth, non di Sonny Corleone.

Jeff Zucker, ex presidente della CNN: La TV tradizionale continuerà a esistere. Ovviamente avrà meno abbonamenti di oggi. Le notizie e lo sport la terranno in vita.

Richard Plepler, ex amministratore delegato della HBO: Anche se il lineare non è ovviamente l’onda del futuro, il flusso di cassa è il flusso di cassa, il che significa che è ancora in grado di sopravvivere.

Bela Bajaria, Chief Content Officer di Netflix: Da quando ho iniziato a lavorare in questo settore nel 1996, si è sempre parlato della morte della TV lineare. Sicuramente la torta sarà più piccola tra tre anni. Ma ci sono così tante persone che guardano la TV lineare, soprattutto sport e notizie che questa sicuramente tenderà a rimpicciolirsi, ma non scomparirà.

Kathleen Finch, responsabile dei contenuti delle reti statunitensi di Warner Bros. Discovery: La TV lineare sarà assolutamente ancora qui fra tre anni. Se si considerano le dimensioni e la portata del business della TV lineare, è enorme. Alle persone piace ancora sedersi in gruppo davanti alla TV. È una cosa molto comune. E gli inserzionisti lo adorano, sia che si tratti di vendere un nuovo film in uscita, sia che si tratti di lanciare una vendita di automobili. Il settore della TV lineare sarà sano per molto tempo. Ovviamente le abitudini delle persone stanno cambiando, ma come attività è un’attività grande, solida e ad alto margine. Una delle altre cose importanti della televisione lineare è che fornisce l’ecosistema finanziario per alimentare molte piattaforme di streaming. Il nostro gruppo alla WBD produce circa 4.000 ore all’anno di contenuti, una quantità enorme di contenuti che produciamo per alimentare le reti. Molti di essi hanno una seconda vita sullo streaming, o una prima vita in base a ciò che stabiliamo. Finanziare i contenuti solo per lo streaming è un po’ una sfida. Ma poiché abbiamo un grande margine di guadagno con un doppio sistema di entrate, serviamo il pubblico in modo eccellente sul canale lineare.

Byron Allen, presidente e amministratore delegato di Allen Media Group: Credo che la TV lineare esisterà per molto, molto tempo. Credo che tutte queste diverse piattaforme non siano al posto di, ma siano additive. Se consideriamo il comportamento umano e il modo in cui consumiamo i contenuti, abbiamo solo arricchito il panorama. Quando c’era la rivoluzione industriale, era alimentata dal petrolio e dal gas. Questa è la rivoluzione digitale ed è alimentata dai contenuti. Le TV locali saranno ancora presenti e molto necessarie. Avete bisogno di notizie locali. E non dimentichiamo che i network ABC, CBS, Fox, NBC, le quattro grandi emittenti – si sono assicurati la vera religione dell’America, la NFL, per i prossimi 11 anni. Quindi guarderete queste reti per lo sport. Non solo in streaming. Credo che il contratto indichi che il pacchetto sarà qui ancora per un po’.

Wonya Lucas, presidente e amministratore delegato di Hallmark Media: Non credo che questa sia la morte del lineare. Non lo penso e basta. Penso che il lineare sarà ancora vivo e fiorente. Penso che ci sarà un certo scossone in termini di quali servizi sopravviveranno e quali no e quali saranno raggruppati insieme, e ci sarà un certo consolidamento. Non credo che tutti possano essere indipendenti. Ma credo che quando inizieremo a raggruppare il costo di tutti i servizi di streaming, a un certo punto si arriverà allo stesso costo di un pacchetto via cavo.

Chris Winfrey, CEO di Charter Communications: Il lineare non sarà effettivamente morto, ma sarà molto più costoso e avrà meno abbonati. Molto di questo ha a che fare con l’aumento del costo dei diritti sportivi. Il nuovo accordo di estensione dei diritti della NFL genererà circa il doppio dei costi all’anno a partire dalla stagione 2023-24. Questo costo viene ora distribuito su una base sempre più ridotta di abbonati, il che fa lievitare il costo complessivo dei contenuti. Nei prossimi tre anni ci saranno ancora clienti che potranno permetterselo. Il servizio offerto sarà semplicemente molto ridotto e più costoso. Alla fine si dovrà procedere a una ristrutturazione del business.

Tra tre anni, quali saranno i principali servizi di streaming?

Zucker, ex capo della CNN: Netflix, Amazon Prime Video, Apple e la suite Disney [Hulu, ESPN+ e Disney+]. Il quinto potrebbe essere una combinazione dei rimanenti: HBO Max, Paramount+ e Peacock.

Jeff Bewkes, ex CEO di Time Warner: Netflix, Amazon, Disney, HBO Max. Forse anche un’altra che non fa molti soldi o è in pareggio ed è prossima alla morte.

Chernin di North Road: Tutti, con l’avvertenza che potrebbe esserci una combinazione di Paramount, Peacock e HBO Max. I grandi non vogliono comprare nessuno di loro, ad eccezione di HBO.

Diller di IAC: C’è un solo servizio di streaming che è dominante, ora e per sempre, ed è Netflix. Probabilmente in futuro ne esisteranno molti altri.

Jeffrey Hirsch, presidente e amministratore delegato di Starz: Disney, Netflix, Warner Bros. Discovery, Amazon… e naturalmente Starz.

Mayer di Candle Media: Apple TV+, Disney+, Netflix, Amazon Prime, Max, probabilmente. Paramount+ sarà integrato, Peacock sarà integrato. Forse saranno combinati con un servizio più piccolo come Starz.

Simmons di The Ringer: Hulu, Peacock e Paramount sono candidati a essere assorbiti da uno streamer più grande, ma chi lo farà? Apple non fa mai nulla. Amazon non ha bisogno di fare nulla. HBO/Discovery ha appena subito due fusioni in sei anni. Netflix non fa mai nulla. Disney/ESPN sembra più propensa a cedere materiale che a comprarlo. Quindi, a meno che Comcast non si lanci in spese folli, non credo che cambierà nulla: credo che tutti saranno ancora in circolazione, solo con meno dipendenti e con molti meno contenuti originali.

Bajaria di Netflix: Netflix, ovviamente. Anche Disney+ ha una videoteca piuttosto forte. Molti altri saranno interessanti. Si sta già assistendo all’unione di Showtime e Paramount+. Hulu rimarrà a Disney o Comcast acquisterà la sua quota? Warner Bros. Discovery rimane con Discovery+ e HBO Max o si fonde con un’altra società? Ci saranno molti movimenti e cambiamenti nel panorama dello streaming.

Ci sarà un pacchetto di servizi di streaming simili a quelli via cavo?

Mayer di Candle Media: Sì, credo di sì. Non so se vedremo pacchetti tra aziende di intrattenimento, ma ci sarà una versione di un pacchetto più grande di contenuti che si potranno acquistare a scelta.

Aryeh Bourkoff, presidente e CEO di LionTree: Si tratta più che altro di un’auto-accorpamento di contenuti e altre offerte per generare una fedeltà alla piattaforma e al marchio da parte del consumatore. Penso che si assisterà anche all’eventuale rilascio di contenuti premium esclusivi su più piattaforme per monetizzare meglio i contenuti migliori, ma le relazioni di maggior successo con le piattaforme saranno auto-accorpate.

Bewkes, ex capo di Time Warner: Ne dubito. Non vedo perché dovrebbe essere necessario. Il ruolo di un aggregatore sarebbe quello di prendere uno qualsiasi dei principali streamer e di collegarvi quelli che sono i canali più arretrati e di scala inferiore. Non sono sicuro che sia convincente.

Diller di IAC: Penso che probabilmente ci sarà un modo più efficiente di acquistare più servizi di streaming, ma non credo che sarà analogo al pacchetto via cavo. Un unico magazzino centrale che tratta con tutti gli operatori e invia un’unica fattura: non credo che questo accadrà. Penso che sarà in qualche modo frammentato. Ma potrebbe esserci una molteplicità, in cui potrebbe esserci un modo molto più semplice di accedere a un gruppo di streamer piuttosto che trattare con loro individualmente.

Naveen Chopra, CFO di Paramount Global: Penso che sia molto probabile, ma non necessariamente inevitabile. Da un lato, i pacchetti hanno un valore enorme in termini di aumento dei costi di acquisizione, riduzione del tasso di abbandono e convenienza per i consumatori. È una soluzione che abbracciamo senza dubbio. Abbiamo realizzato molti pacchetti e molte partnership che hanno avuto un grande successo, sia con Sky in Europa che con Walmart o T-Mobile negli Stati Uniti. Tuttavia, ci sono due aspetti davvero importanti da considerare nel tentativo di realizzare questa tipologia di pacchetto: quello economico e quello relativo all’interfaccia utente e al rapporto con il cliente. Oggi i servizi di streaming hanno interfacce utente indipendenti e agli streamer piace possedere il rapporto con il cliente. Quindi, per far parte di questo pacchetto, bisogna rinunciare a una parte degli introiti e avere comunque un modo di condividere le informazioni e un controllo sufficiente sull’interfaccia utente per contribuire a creare e mantenere un pubblico intorno ai contenuti. Tutte queste cose sono in fase di sperimentazione e presentano sfide di ogni tipo. Ma penso che ci sia sicuramente la possibilità di un pacchetto via cavo con lo streaming. Ci vuole tempo per evolvere.

Sarnoff, ex capo di Warner Bros: È difficile capire come funzionerà dal punto di vista economico. È possibile creare un aggregatore in modo che la gente non debba abbonarsi a una serie di offerte diverse? Il problema è sempre chi sta nel mezzo. Questo è il punto: la maggior parte delle aziende del settore dei media ha voluto evitare che qualcuno controllasse il pubblico, come gli operatori via cavo, e determinasse il valore della programmazione. Il raggruppamento ha senso dal punto di vista del consumatore, ma lato fornitore è molto più complicato. Pagare una tariffa unica è più semplice, ma c’è un’equazione di valore imperfetta per il fornitore di contenuti.

Chernin di North Road: Non lo so. Un pacchetto completo e indipendente è difficile da realizzare. Non c’è un aggregatore ovvio che ne tragga vantaggio. Chi ha interesse a sovvenzionare le perdite per raggruppare queste cose? È piuttosto difficile immaginare un piano finanziario. I grandi non vorranno accettare uno sconto. Servirebbero delle trattative molto complesse.

Mark Lazarus, presidente di NBCUniversal Television and Streaming: Penso che i pacchetti siano decisamente il futuro. In un certo senso si sta già andando in quella direzione. Quello che non ancora manca è la capacità di replicare l’esperienza dell’utente del pacchetto via cavo. È complicato dover entrare e uscire da ogni app. C’è il buffering. Non si può passare da un canale all’altro in modo istantaneo. Se vogliamo soddisfare le aspettative dei consumatori, dobbiamo arrivare a un punto in cui l’interfaccia o l’esperienza dell’utente permetta di entrare o uscire dai contenuti senza soluzione di continuità.

Hirsch di Starz: Sì. Tra 18-24 mesi si inizierà a vedere un rimpacchettamento del business lineare in quello digitale. Il valore dell’aggregazione è davvero importante. Inizieremo a vedere più persone che si associano. Al momento, tutti sono visti come canali. In definitiva, i grandi diventeranno piattaforme, proprio come sta facendo oggi Amazon. Lo stiamo vedendo ora con Showtime che è una tessera all’interno di Paramount+. I contenuti di altre aziende diventeranno dei tasselli di marca all’interno delle piattaforme di streaming più grandi.

Quali aziende domineranno come hub principale dello streaming?

Simmons di The Ringer: Credo che Apple sarà la piattaforma dominante grazie alla sua connettività con il comportamento degli utenti attraverso l’Apple TV e i nostri telefoni. La loro pagina principale permette di ordinare film, vedere tutte le nuove uscite, vedere dove si è interrotto un programma o un film che si stava guardando su ogni altra piattaforma… è incredibile. È l’unico streamer che si comporta come uno sportello unico per tutto ciò che mi interessa. E miglioreranno sempre di più nel perfezionare questo aspetto. Inoltre, è possibile continuare ad accedere alle diverse piattaforme attraverso l’iPhone. È davvero intelligente. Tutte le strade passano per Apple.

Chernin di North Road: YouTube, Amazon e Apple.

Mayer di Candle Media: Ci saranno tre categorie. I distributori via cavo potrebbero riconfezionare le offerte di streaming. Lo stanno già facendo con le loro offerte lineari. Ci sono le telecomunicazioni (T-Mobile, AT&T e Verizon) e poi ci sono i grandi operatori digitali: Google, Apple e Amazon.

Hirsch di Starz: Amazon sta diventando una piattaforma e Warner sta iniziando a diventarlo. Nei prossimi tre anni vedremo anche una tecnologia di compressione che consentirà alle società wireless di essere veri e propri aggregatori di servizi di streaming T-Mobile, AT&T e Verizon. La sfida sarà sempre più allargata.

Winfrey di Charter: Ci sono diverse piattaforme – Roku, Apple TV e Amazon Fire – che stanno cercando di aggregare contenuti in streaming. Ma credo che il cavo abbia un vantaggio reale. È quello che Comcast e Charter stanno mettendo insieme con la nostra joint venture, Xumo. Prenderemo il telecomando vocale di Comcast, le risorse tecnologiche di Sky e Xfinity, l’applicazione leader per i video in diretta di Spectrum TV – e combineremo tutto questo con il fatto che Comcast e Charter hanno una gamma di relazioni di programmazione molto più ampia di chiunque altro sul mercato. Abbiamo anche un potente canale di distribuzione per fornire questa piattaforma operativa, sia ai clienti esistenti che pagano per la banda larga e la TV, sia per le nuove vendite attraverso i nostri diversi canali di vendita – negozi, piattaforme – per mettere questi box e televisori intelligenti nelle mani dei clienti. Ritengo che abbiamo la migliore serie di risorse e relazioni esistenti per essere in grado di mettere insieme un’operazione che nessuna delle altre piattaforme è in grado di fare”.

Bourkoff di LionTree: Non c’è ancora stato un aggregatore che abbia incorporato tutti i contenuti video, audio e di gioco, e non ne prevediamo uno a breve. Questo sarebbe un faro per i consumatori nella loro ricerca di intrattenimento, nel senso più ampio del termine. In assenza di ciò, qualsiasi altro strumento di aggregazione avrebbe una definizione diversa per clienti diversi. Ad esempio, le fasce demografiche più giovani si stanno orientando sempre più verso contenuti di breve durata su TikTok, YouTube e altre piattaforme. Sarebbero inclusi? La definizione di contenuto che vogliamo consumare e dove lo consumiamo è in continua evoluzione, soprattutto in un ambiente maturo e scarso.

Allen di Allen Media Group: Non so se ci sarà un aggregatore primario di questi contenuti, ma credo che il consumatore sia molto intelligente e pieno di risorse e troverà il modo di soddisfare le proprie esigenze a un prezzo molto efficiente. La chiave è guardare al più grande streamer del mondo, che è YouTube, e al fatto che è completamente gratuito. Qualsiasi cosa voi inseriate nella barra di ricerca, viene fuori.

Cosa succederà alle reti di intrattenimento via cavo? Saranno vendute? Verranno chiuse? O rimarranno invariate?

Chopra di Paramount: Credo che nel tempo ci sia la possibilità di un ulteriore consolidamento delle reti via cavo. Penso che nel breve termine assisteremo a un’evoluzione del tipo e del mix di programmazione delle reti via cavo, dato il calo di audience in quell’area. L’economia della produzione di costosi contenuti originali non funzionerà per tutte le reti via cavo. Dovranno considerare formati diversi, affidandosi a contenuti più economici, a contenuti di library e così via, ma sicuramente si evolverà.

Bewkes, ex capo di Time Warner: Se sei un network con notizie e sport, quelli possono durare. Gli abbonati e il flusso di cassa delle reti di intrattenimento generale diminuiranno. Alcuni potrebbero essere venduti in private equity per raccogliere flussi di cassa in tre o quattro anni. Non è detto che vadano in bancarotta, ma non sono adatti alla proprietà pubblica.

Finch di Warner Bros. Discovery: Per me è difficile dirlo, perché in questo settore le cose cambiano talmente rapidamente. Posso dire che una delle cose più preziose è avere un marchio che rappresenta qualcosa. I marchi contano davvero tanto. Una rete via cavo più generica che vive di vecchi contenuti non offre necessariamente qualcosa a qualcuno su base serale costante. Le persone non fanno più zapping come una volta. Non è più il modo in cui le persone guardano i contenuti. Decidono in base a ciò che provano. Quindi è vero che è più impegnativo se sei più una rete di intrattenimento generale. È necessario avere contenuti altamente specializzati. Senza di essi, non si può sopravvivere o ottenere il tipo di entrate pubblicitarie che possiamo ottenere noi. Quando si ha una HGTV si hanno inserzionisti endemici. Se sei Home Depot o Lowe’s, devi essere su HGTV.

Winfrey di Charter: La questione si riduce al valore del contenuto che stanno fornendo. Se forniscono repliche, ma non è possibile trovarle altrove, allora il consumatore vede il valore aggiunto. Tuttavia, oggi i programmatori ci vendono contenuti a prezzi sempre più alti e ci chiedono di distribuirli a gran parte dei nostri clienti, mentre allo stesso tempo vendono quegli stessi contenuti alle piattaforme di streaming o creano loro stessi un prodotto diretto al consumatore a un costo molto inferiore. E molti di questi servizi hanno una soglia di sicurezza molto più bassa di quella del cavo, per cui i clienti possono condividere le password e accedere agli stessi contenuti gratuitamente. Pertanto, la nostra disponibilità a continuare a finanziare i programmatori quando i contenuti sono disponibili gratuitamente altrove sta diminuendo. Ciò significa che, nell’ambito della struttura del video lineare, un numero crescente di distributori deciderà che non ha più senso fornire agli utenti determinati contenuti, perché i clienti possono già accedervi gratuitamente in modo pirata o semplicemente pagandoli a una tariffa inferiore.

Lazarus di NBCUniversal: Non credo che in futuro ci sarà una strategia unica per tutti. Penso che vedremo alcuni network unirsi, come abbiamo fatto noi. Alcuni chiuderanno quelli che non contribuiscono in modo significativo ai profitti. Oggi ci sono così tante reti. Anche con l’erosione del pacchetto di pay-TV, sceso a 50 milioni, queste reti rappresentano ancora un contributo significativo al fatturato e al Margine Operativo Lordo di società come la nostra. Quindi chiuderle non è necessariamente una grande risposta, perché si rinuncia a un profitto. Anche se si tratta di un profitto in calo, è comunque un profitto. Credo che parlarne sia un po’ tempo perso. È vero che stiamo gestendo un declino e che gli streamer sono lì per compensare le entrate e la redditività perse, ma queste attività continuano a generare, in molti casi, centinaia di milioni di dollari di profitti. Le aziende non ci rinunciano.

Qual è una cosa che diventerà uno standard televisivo e che oggi non esiste?

Chernin di North Road: Il windowing è il cambiamento più probabile. Al momento, il modello economico attuale è costituito da due cose: la pura integrazione verticale, in cui si produce e si possiede tutto, e le licenze esclusive a lungo termine. Nessuna delle due cose ha senso. Non si possono produrre abbastanza contenuti di qualità e i costi sono eccessivi. Qual è il valore degli spettacoli di 5-10 anni fa? In questo momento si spende una quantità enorme di denaro per questi show. Le aziende produttrici di media farebbero meglio a concedere licenze triennali e a risparmiare dal 20% al 30% sui costi. Le reti via cavo saranno interessate ad acquistare vecchie repliche da altre piattaforme di streaming. Sarà una programmazione nuova per un pubblico diverso. Ciò che definisce la programmazione è la novità. Quando i “Soprano” sono andati in onda in syndication su A&E, la HBO non si è indebolita. Gli streamer inizieranno a vendere la programmazione alle emittenti via cavo e tra di loro, e questo produrrà valore sia per la società che la possiede sia per quella che l’ha acquistata in syndication.

Simmons di The Ringer: Credo che Apple, all’improvviso, inizierà a produrre i suoi fantastici televisori con Apple TV incorporata. È incredibile che non sia ancora successo. Hanno tutti gli altri pezzi del puzzle dello streaming al loro posto – letteralmente, tutti – tranne il televisore vero e proprio. Perché vogliono che Samsung, LG e chiunque altro continuino a innovare le loro smart TV e alla fine escludano Apple dall’intero ecosistema? Faranno semplicemente un televisore migliore e li schiacceranno. Vorrei poter scommettere su questo.

Sarnoff, ex capo di Warner Bros: Un “metaverso” che offre commercio, gioco, interazione sociale, sport, notizie e intrattenimento è inevitabile, ma credo che siamo ancora lontani da questo modello. Sarà interessante osservare l’evoluzione del metaverso in parallelo allo streaming e ad altre offerte di intrattenimento diretto. Vincerà l’offerta che meglio coinvolgerà e intratterrà il consumatore.

Zucker, ex capo della CNN: La possibilità di scommettere e/o giocare d’azzardo mentre si guarda lo sport in TV sarà molto più facile. Si potrà passare attraverso il televisore per piazzare una scommessa con un telecomando o con la voce. È necessaria la collaborazione delle società di scommesse, ma non dovrebbe essere un problema.

Hirsch di Starz: contenuti senza confini. La tecnologia dell’intelligenza artificiale renderà semplice la sottotitolazione e il doppiaggio dei contenuti. L’intelligenza artificiale consentirà di guardare i contenuti nella propria lingua senza dover passare dal doppiaggio da parte di terzi. In questo modo il mondo si restringe dal punto di vista dei contenuti.

Bajaria di Netflix: Un numero maggiore di persone avrà accesso a incredibili storie globali on demand. La persona media avrà accesso a più contenuti che mai.

Allen di Entertainment Studios: Penso che vedremo una maggiore integrazione dell’intelligenza artificiale nei contenuti e che sarà più intuitiva, in modo che quando le persone guarderanno i contenuti sarà molto più avanzata nel consigliare i contenuti per l’utente. Penso che l’intelligenza artificiale aiuterà a capire i punti di contatto dei contenuti e a renderli migliori, più avvincenti e coinvolgenti.

Winfrey di Charter: ricerca unificata. Avrete un motore di scoperta e raccomandazione combinato con un telecomando vocale che consente un’esperienza senza soluzione di continuità per il cliente all’interno di un’unica piattaforma. Ciò consentirà a uno spettatore di scegliere i contenuti che desidera mese per mese, sia in diretta video che in streaming.

Bourkoff di LionTree: Lo sport si sta sbloccando in grande stile. È l’ultimo grande bastione di contenuti che devono essere guardati dal vivo, il che richiede un approccio diverso. In qualità di proprietarie di IP di valore, le leghe sportive professionistiche possono sempre più muoversi in autonomia o tramite un modello di partnership e monetizzare in altri modi, dalla pubblicità, alle sponsorizzazioni, al commercio e alle esperienze, inclusi i giochi e le scommesse sportive. Stiamo assistendo alle prime fasi di questa dinamica con accordi come “NFL Sunday Ticket” su YouTube e l’accordo della MLS con Apple TV.

Finch di Warner Bros. Discovery: C’è qualcosa che sta iniziando a prendere piede ora e che sono assolutamente curioso di vedere dove andrà a finire. Si tratta della tecnologia che consente agli spettatori di scegliere i contenuti che guardano mentre li guardano. Come lo show “Kaleidoscope” di Netflix. Consegnare il processo decisionale editoriale ai fan è così seducente. È un’opportunità per un contenuto di essere guardato più e più volte. Sono pochi i contenuti che hanno provato a farlo, ma la tecnologia c’è e stiamo assistendo ad un nuovo ed entusiasmante sviluppo nella creazione e nel consumo di contenuti. Al pubblico viene offerto un modo interattivo di vedere i contenuti. Questa tecnologia sta pian piano iniziando a venire utilizzata e molte persone la stanno sperimentando.

Lazarus di NBCUniversal: Gran parte del consumo televisivo avviene sullo schermo più grande e migliore di casa. Tutto passa attraverso il televisore a schermo piatto del salotto. Quello a cui stiamo assistendo, e che penso evolverà nei prossimi tre anni, è la quantità di customizzazione che le persone sono in grado di creare per prendersi cura delle proprie abilità e per dare vita a raggruppamenti. In quale modo ordiniamo le nostre app di streaming? Sebbene non sia un’esperienza utente perfetta passare da Peacock a Netflix o altro, è possibile disporle nell’ordine che si desidera sullo schermo. In tutto questo esiste un alto grado di personalizzazione. Questo aspetto è in arrivo anche per i singoli streamer. Stiamo lavorando su un’ampia customizzazione per i nostri consumatori. I consumatori desiderano avere questo tipo di interattività. Se si è su un canale di sport in diretta, si possono creare i propri replay e poi tornare alla diretta. È la prossima iterazione dell’interattività.

Fonte: CNBC

Contact

Facciamo una call al volo?

Se vuoi approfondire un tema, parlarci della tua idea o semplicemente
capirci qualcosa di più puoi prenotare una call gratuita e senza impegno

Contact