Gli ultimi display a colori di E Ink fanno sognare di riviste elettroniche su carta

10 Aprile 2023 WEIJI

L’avete già sentito dire almeno un migliaio di volte: una vita passata a fissare gli schermi è estremamente stancante per gli occhi e porta a cercare soluzioni innovative per alleviare la stanchezza. Alcuni piccoli accorgimenti possono aiutare, soprattutto quello di fare delle pause e delle passeggiate, ma una cosa non cambia: il fatto che passiamo più tempo di quanto dovremmo a fissare gli schermi dei nostri dispositivi.

La scorsa settimana a Las Vegas, E Ink – azienda leader nella tecnologia ePaper – si è presentata al Venetian per il CES 2023 e, all’interno del suo showroom ha presentato le sue ultime novità tecnologiche, tra cui pezzi del suo stravagante involucro BMW e i suoi ultimi display a colori Gallery 3. Quest’ultima tecnologia è ora in distribuzione e arriverà presto sul mercato, a partire da dispositivi come il PocketBook Viva. I display appaiono decisamente vivaci rispetto alle tonalità sbiadite dei display a colori Kaleido di E Ink, che hanno debuttato solo due anni fa. I display CMYK della Gallery 3 sono in grado di produrre 50.000 colori a 300 DPI, un valore decisamente superiore ai 4.000 colori di Kaleido, secondo quanto dichiarato dall’azienda.

“Non saremo mai il miglior schermo per la proiezione di film”, ha dichiarato Timothy O’Malley, responsabile commerciale per gli Stati Uniti, in un’intervista a TechCrunch. Gli obiettivi di E Ink si spingono ben oltre il territorio dell’iPad. O’Malley ha dichiarato che E Ink mira a creare un’esperienza di lettura delle riviste che sia abbastanza buona da conquistare anche gli editori più esigenti.

“Le riviste di moda, in particolare, hanno standard molto severi per quanto riguarda i colori [e] questo è un grande obiettivo per noi”, ha detto il veterano dell’azienda che ha alle spalle 22 anni di attività. “Credo fermamente che ci arriveremo e che fondamentalmente la tecnologia sostenga questo cambiamento”.

O’Malley ha aggiunto: “Lavoreremo sulla risposta dei materiali e sui controlli, e porteremo la saturazione a quel livello”. Raggiungere questo traguardo potrebbe conquistare anche gli appassionati di fumetti e i lettori di libri illustrati.

Per ora, la tecnologia a colori Gallery di E Ink dà il meglio di sé quando viene utilizzata per la segnaletica, dove l’azienda può sacrificare la velocità di aggiornamento a favore della chiarezza. Tuttavia per quanto riguarda i lettori portatili, nel qual caso la gente non vuole aspettare secoli per visualizzare la pagina successiva, i colori appaiono ancora smorzati rispetto a uno schermo retina. Nello sfogliare un prototipo di Gallery 3, le immagini di grandi dimensioni rallentano i tempi di lettura e lampeggiano in modo goffo. Invece, quando lo stesso prototipo ha mostrato piccole illustrazioni a colori accanto a testo nero su bianco, la tecnologia è sembrata davvero pronta per le masse.

Le statistiche di E Ink sulla Gallery 3 illustrano l’attuale compromesso. A dicembre l’azienda ha dichiarato che il tempo di aggiornamento in bianco e nero è ora di 350 millisecondi, mentre la velocità dei colori varia da 500 ms (che E Ink chiama “modalità colore veloce”) a 1500 ms (per il “colore migliore”). E Ink lascia che siano i produttori a decidere come bilanciare velocità e nitidezza, quindi il proverbiale chilometraggio può variare.

Marchi come PocketBook, Bigme e BOOX sembrano già aver abbracciato la Gallery 3, ma non si capisce ancora quanto Amazon sia disposta ad investire in e-reader a colori. Potrebbe infatti contribuire a legittimare la tecnologia, ma, cosa fondamentale, il gigante della vendita al dettaglio ha recentemente rinunciato agli abbonamenti a riviste e giornali per i suoi Kindle in bianco e nero, in un contesto di ampi tagli ai costi. 

Il futuro dei Kindle a colori risulta quindi piuttosto incerto al momento.

Contact

Facciamo una call al volo?

Se vuoi approfondire un tema, parlarci della tua idea o semplicemente
capirci qualcosa di più puoi prenotare una call gratuita e senza impegno

Contact