LA SCIENZA DELLA FELICITÀ: 9 STRUMENTI DI BENESSERE PER MIGLIORARE IL TUO UMORE

2 Gennaio 2023 WEIJI

Quando vivevo a New York, prendevo regolarmente la metropolitana. Ricordo di aver pianto in modo incontrollato e di aver preso valium e litio, oltre ad altri antidepressivi prescritti dal mio psichiatra, per calmarmi.

Ero disperata in quella caverna buia che ho poi imparato a chiamare col suo nome, ovvero depressione. Una depressione oscura, senza speranza, spaventosa. Mi sentivo nuda ed esposta sul freddo sedile metallico della metropolitana. Non riuscivo a funzionare, non riuscivo a smettere di piangere e avevo il terrore di rimanere così per sempre.

L’ho sperimentato una volta nella mia esistenza. È vero, l’ho superata. Tuttavia, ci sono stati altri momenti in cui questo mostro mi ha consumato. Mi sono stancata di essere malata e stanca.

Ricordo il momento in cui ho ricominciato a sentirmi grata. Avevo sofferto di depressione, ma all’improvviso ho ricominciato a sentirmi grata. È stata una sensazione davvero fantastica! Sapevo di poter modificare i miei pensieri e i miei sentimenti.

Il mio obiettivo in quel momento era scoprire come portare costantemente la felicità nella mia vita. Anche se ci sarebbero stati sicuramente dei momenti difficili, volevo vivere la mia vita nel modo più positivo possibile. Ho scoperto che la felicità è un lavoro interiore e un processo. Esiste una scienza per essere più felici. E sono qui per dirvi che è possibile.

Spero che non abbiate mai provato quel livello di disperazione. Tuttavia, se vi sentite giù di morale, c’è un aiuto per voi.

Esaminiamo quindi il tema della felicità.

Secondo Sonia Lyubormirsky e i suoi colleghi, possiamo davvero aumentare i nostri livelli di felicità. Il 50% del nostro livello di felicità, secondo la loro ricerca, è determinato alla nascita ed è innato. Vostra sorella potrebbe essere sempre felice, mentre voi potreste avere difficoltà a superare la giornata, a causa di questo fattore genetico. Purtroppo non può essere modificato.

Il 10% della felicità di una persona è determinato dalle situazioni di vita: il nostro sesso, la nostra età, il luogo in cui siamo cresciuti, la nostra occupazione, le esperienze importanti della nostra vita, se siamo sposati o single, ecc.

Avere più soldi o un nuovo veicolo, per esempio, può farvi sentire meglio per un po’, ma solo fino a un certo punto. Poi subentra l’adattamento edonico. È l’abitudine che abbiamo tutti di abituarci a ciò che abbiamo, riportando così i nostri livelli di felicità a ciò che erano prima dell’acquisto di quella “cosa nuova”.

Avere denaro a sufficienza sarebbe fondamentale se ci si preoccupasse di sopravvivere. Tuttavia, le ricerche dimostrano che i ricchi non sono più felici di chiunque altro. Inoltre, è stato detto che hanno più problemi e mal di testa. Ancora una volta, la felicità è un lavoro interiore.

Ecco la grande notizia: il 40% della nostra felicità è determinato da attività mirate. In questo caso possiamo modificare il nostro stato d’animo. Forse non siamo in grado di modificare il nostro set point, ma possiamo regolare i nostri livelli di felicità. Dipende da noi.

Ci sono molte cose che possiamo fare come abitudini intenzionali. Possiamo praticare atti di gentilezza, imparare a perdonare, entrare in contatto con gli altri, prenderci cura del nostro corpo (attraverso l’attività fisica e la meditazione), e questi sono solo alcuni esempi.

Iniziare con una pratica quotidiana di gratitudine è uno dei migliori punti di partenza. Ogni giorno, elencate tre cose per cui siete grati. Spiegate perché ne siete grati. Il perché è fondamentale.

Secondo una ricerca condotta da Google, questa abitudine migliora i livelli di positività. Diventa una pratica intenzionale quotidiana. All’inizio può sembrare banale, ma la scienza ha dimostrato che funziona. È garantito che cambierà la vostra prospettiva.

La scienza del piacere esiste e comprende le “abitudini igieniche del piacere” quotidiane (termine mio). Così come vi lavate i denti, eseguite queste attività. I vostri livelli di felicità  rimarranno più alti se lo farete. Potete scegliere quello che funziona meglio per voi e trasformarlo in una routine quotidiana.

Per esempio, una pubblicazione della Harvard Health Publishing ha affermato che l’attività fisica, che si tratti di camminare, fare ginnastica, ballare o praticare yoga, in molti casi è stata efficace quanto un antidepressivo. L’esercizio fisico a bassa intensità sostenuto nel tempo provoca il rilascio di proteine note come fattori neurotrofici o di crescita, che stimolano la crescita delle cellule nervose e stabiliscono nuove connessioni. Quando la nostra funzione cerebrale migliora, ci sentiamo meglio.

In passato, ero così giù che ho capito che dovevo prendermi cura di me stessa se volevo avere giorni migliori. Dovevo capire cosa mi aiutava a modificare il mio stato d’animo da negativo a positivo.

Raggiungere la felicità non è un evento unico, ma un processo quotidiano di mantenimento della felicità utilizzando gli strumenti che la scienza ha scoperto.

Ecco alcuni di questi strumenti:

  • Avere obiettivi realistici, raggiungibili e personalmente significativi mi ha dato uno scopo.
    Invece di fissare obiettivi basati sul denaro, sull’ego e sul potere, mi pongo obiettivi che mi ispirano ed emozionano. Perseguo cose che mi mantengono giovane e felice. Poiché apprezzo e “possiedo” veramente i miei obiettivi, essi non sono dettati dai dettami della società o da ciò che i miei genitori, i miei vicini o chiunque altro pensa siano degni.
  • Trovare piacere nelle soddisfazioni momentanee è diventata una vera e propria fonte di gioia.
    Quando assisto a un’alba gloriosa abbinata a una luna luminosa, custodisco quei momenti e rimango a bocca aperta. Cogliere la bellezza, assaporare gli aspetti positivi.
  • Creare legami con le persone può fare un’enorme differenza.
    Avere buoni amici a cui rivolgermi (anche quando non voglio) mi ha aiutato a rimanere più connesso e quindi più soddisfatto.
  • È meraviglioso poter condividere i miei pensieri e sentimenti con un’amica intima e avere qualcuno che mi capisce.
    Avere dei segreti è ciò che fa ammalare. Ascoltare i buoni amici è altrettanto curativo che condividere.
  • Praticare atti di gentilezza casuali (far passare qualcuno per primo in fila o scrivere una lettera di ringraziamento) mi ha insegnato la compassione.
    Aiutare gli altri toglie l’attenzione da me e la mette sugli altri. Dove posso fare la differenza nella vita di qualcun altro?
  • Avere un legame spirituale più forte è diventato per me una fonte di speranza e di forza.
    Mi collego alla fonte universale attraverso la meditazione, la preghiera e la contemplazione.
  • L’aver individuato il mio discorso interiore negativo mi ha aiutato moltissimo a rimanere positiva.
    È stata una svolta positiva accorgermi di essere impegnata in discorsi negativi su di me, come la catastrofizzazione (“È terribile”), il pensiero “tutto o niente” (“Va sempre a finire così”), le previsioni negative (“Le mie finanze saranno rovinate”) e l’etichettatura (“Sono così stupido”). Non è sempre semplice individuare questi pensieri, ma ora li sto cercando. Intervengo immediatamente e sostituisco l’affermazione negativa e inesatta con una positiva. I nostri pensieri negativi non rappresentano la realtà, ma sono bugie e distorsioni egoistiche. Tutto dipende da come la vediamo.
  • Quando mantengo uno spazio mentale sano, presto attenzione alle piccole cose.
    Ascoltare la mia musica preferita e alzarmi per ballare mi solleva sempre il morale, indipendentemente dalla semplicità dell’attività.
  • Infine, vivere il momento presente, senza coinvolgere il passato o condannare e deprimere il futuro, mi ha permesso di essere libera dal tormento.
    La pace sta nel ‘qui e ora’, ed è semplice, ma non sempre facile, essere consapevoli del momento presente.

Quindi tutte queste azioni e altre ancora possono costituire il nostro 40% di scelte mirate. Possiamo elevare il nostro stato di benessere attraverso la pratica delle abitudini igieniche della felicità. La scienza ha dimostrato che praticare queste abitudini ha aiutato a trasformare i pessimisti di basso livello in ottimisti di basso livello.

"Ehi, se posso farlo io, chiunque può farlo. Anche tu!"

, , , , , ,
Contact

Facciamo una call al volo?

Se vuoi approfondire un tema, parlarci della tua idea o semplicemente
capirci qualcosa di più puoi prenotare una call gratuita e senza impegno

Contact